PANAF 2019 Chioggia Fenici Venezia

Grazie ragazze del Chioggia. Grazie Elisa, alle due Ilaria, Silvia, Giada, Francesca, Luana, Valeria, Adriana ed Emanuela. Grazie per dimostrare quando scendete sul parquet di gioco, che a volte, quando si gioca a basket, e magari in tutti gli altri sport, non conta solo il risultato finale, ma anche la bellezza di vedere quella palla a spicchi scendere dentro la retina. Perché quello “swish” così bello premia gli sforzi che voi squadra del Chioggia state facendo in questi due anni di Panaf e che vi vede gara dopo gara migliorare sensibilmente. Il 10-5 per voi dopo 6’50” di gioco è da esclamazione, a volte si impara giocando ed insistendoci sopra anche se il risultato finale non ti premia. Le Fenici di coach Barbara Bari non hanno certo bisogno delle nostre presentazioni, 65-36 per le veneziane all’ultima sirena. Una vittoria limpida con 19 punti di miss Laila Del Chiaro e 9 della “Rossa” Nardo. Tanta qualità anche da Giulia Girardini e Mascia Pavon nel ruolo entrambe di play. C’è il debutto in maglia fenice di Josephine Ciraldo, dalle tre x verticali tatuate sulla pelle, i tre simboli della bandiera di Amsterdam. Le tre croci di Sant’Andrea tracciate sul drappo olandese in onore del santo che fu crocefisso proprio in una di quelle. Da applausi, tra le padroni di casa, la prova dinamica di Luana Campaci, la giocatrice che tira sempre con la mano destra senza quella sinistra appoggiata sul pallone. Per lei 15 punti, 12 invece per la solita brava Adriana Mura play guardia per la prima volta in doppia cifra. Alla fine c’è stato il premiato e tradizionale terzo tempo, e si è rimasti a bocca aperta.. nel vero senso della parola per la bontà e la prelibatezza delle pietanze e dei dolci preparati dalle “fantoine” di Chioggia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *