PANAF 2019 Gazzera Fenici

      Nessun commento su PANAF 2019 Gazzera Fenici

Qui si fa la storia, comunque vada a finire alla sirena finale tra le Poiane (a referto sempre e unicamente Gazzera, ci mancherebbe) e le Fenici di Venezia. Due animali alati, la poiana rapace con origini prettamente storico, l’altra con origine mitologica, comunque sempre di due rapaci si tratta. Volano da quattro campionati sulle pendici del Panaf, sempre presenti con i nomi a referti che a leggerli viene sempre in mente la prima palla a due di quattro anni fa. Stefania Orio, miss Laila Del Chiaro, Mascia Pavon, Luisa Poloni, Giuliana Tegon, Federica Righetto, Elisa Serafin e Giorgia Scarpa, più Valentina Giacomini e tante altre. Istituzioni che ieri sera hanno dato vita ad un derby fantastico che si è chiuso con un 48-43 per la Gazzera (Poloni 14, Del Chiaro 11) al termine di un incontro punto a punto (8-11, 25-21, 38-31). Amiche che fuori dal campo vanno oltre alla stretta di mano e al “tu” classico. Tante avventure insieme nel segno del basket anche lontano dalla nostra Italia e anche in altre manifestazioni sportive. Curioso vedere sul parquet “Monica e Tonica” per dirla alle Eddie Murphy (cit. Beverly Hills Cop II) vale e a dire le sorelle di Ca’ Savio Francesca e Nicoletta Ballarin nelle finel delle Fenici. In casa Gazzera sfiorata l’accoppiata Luisa-Donatella Poloni, la capitana in campo, l’altra sorella in tribuna a tifare Gazzera. Il terzo tempo finale non è d’obbligo, ma molto di più tra queste due squadre con Venezia che si porta dietro le sue tifose storiche, Maila per esempio è un po’ la mamma di tutte le giocatrici. E chi non gioca è in borghese in tribuna (Gloria Cadoni) o al tavolo con le statistiche (Francesca Barzazi, Elisabetta Mazzon, Flavia Manente).Titolo di miss tacchi alti della serata per Giuliana Tegon (“sono venuta in tacchi per avere una foto” sono le sue testuali parole) e primo piano meritato per l’amica a quattro zampe Ginger, anche lei sempre presente in quattro edizioni del torneo. Complimenti ragazze, vedervi così unite è motivo d’orgoglio del Panaf.

Thomas Maschietto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *